Vaccinazione contro il Covid 4/4 – Un nuovo Grande Fratello?

Shares

L’AMALF RIFLETTE CON VOI

 

COSA PENSARE DELLA VACCINAZIONE CONTRO IL COVID?

 

Mentre le campagne di vaccinazione su larga scala vengono implementate in tutto il mondo, tutti si pongono domande sull’efficacia e sui potenziali pericoli dei vaccini contro il Covid.

 

Si tratta di domande legittime a cui AMALF cerca di fornire risposte obiettive e basate su prove scientifiche.

 

Ma per capire questi dati, è necessario ricordare alcuni concetti di base.

 

C’È UN RISCHIO DI SORVEGLIANZA DI MASSA: IL VACCINO FUNGERÀ DA GRANDE FRATELLO?

In breve: siamo già osservati e spiati da una serie di applicazioni che usiamo ogni giorno. Non c’è nulla nel vaccino che permette di raccogliere nostre informazioni. Non ci sono componenti elettroniche in questi prodotti. Solo le banche dati statali registreranno le persone vaccinate per autorizzare la convocazione alla 2° dose di vaccino e per evitare doppioni.

Un altro argomento diffuso è il rischio che il vaccino venga usato per una maggiore sorveglianza dei cittadini. Secondo una di queste teorie, il vaccino permetterebbe ad alcuni grandi gruppi d’interesse di raccogliere dati di massa sulla popolazione.

Altre versioni che stanno fiorendo sul web e sui social network affermano che il vaccino controllerà ulteriormente gli individui o addirittura decimerà la popolazione mondiale attraverso i microchip sottocutanei introdotti con il vaccino.

Questa idea si basa in parte sul fatto che alcuni dei vaccini sviluppati contro il coronavirus usano capsule di nano particelle lipidiche per circondare i filamenti di RNA messaggero che permettono al corpo umano di produrre l’antigene specifico del coronavirus. Secondo altre teorie, la rete 5G sarebbe anche stata sviluppata per consentire il controllo di questi chip. Bill Gates, il capo di Microsoft, viene citato molto spesso.  Il miliardario avrebbe inoltre come progetto di controllare il mondo e i suoi 7,7 miliardi di esseri umani attraverso l’impianto di dispositivi in miniatura introdotti sotto la pelle.

Questo si basa in parte sul fatto che Bill Gates ha detto lo scorso marzo: “Alla fine, avremo certificati digitali per sapere chi è guarito dalla malattia o chi è stato testato di recente o, quando avremo un vaccino, chi lo ha ricevuto”. Dichiarazioni rapidamente distorte dai “NO-VAX” e messe in evidenza attraverso i tatuaggi a punti quantici della Fondazione Bill e Melinda Gates.

Ma pensiamoci! Sorveglianza di massa da parte di chi? Gli americani, i tedeschi, i cinesi, i russi, gli inglesi, gli svedesi? I vaccini vengono sviluppati in ogni angolo del mondo e non c’è nessuna prova scientifica a sostegno di questa tesi. Naturalmente dobbiamo registrare chi è stato vaccinato, quando e con quale prodotto, in ogni paese! Questo è essenziale per poter gestire i richiami dei vaccini.

Allora qual è il problema? Non siete forse registrati su Facebook, Twitter o Linkedin? Non mandate forse foto su Snapchat, non cercate il vostro amore su Tinder, non accettate i “cookies” per accedere a certi siti, non comprate mai su Amazon? Rifiutate sempre la localizzazione? Pensate che non ci sia più di un “grande fratello” dietro tutto questo? Google, Apple, l’FBI forse…

 

IL VACCINO PER IL CORONAVIRUS MODIFICHERÀ IL MIO DNA? 

In breve: dopo la vaccinazione, le particelle vaccinali che contengono l’mRNA vengono rapidamente assorbite dalle cellule del corpo. L’mRNA non può raggiungere il nucleo delle nostre cellule, dove si trova il nostro DNA. Il nostro DNA non viene quindi alterato o danneggiato. L’mRNA viene scomposto in modo relativamente rapido dal nostro corpo.

I vaccini vettoriali virali contenenti un DNA modificato sono in fase di studio e la loro sicurezza deve essere verificata.

Attualmente non esistono vaccini basati sul DNA. È quindi impossibile dirlo.

Quando viene iniettato un vaccino a RNA messaggero, le particelle lipidiche contenenti l’mRNA vengono rapidamente assorbite dalle cellule del corpo. L’mRNA viene rilasciato nel citoplasma dove viene tradotto in proteina senza moltiplicarsi ulteriormente. I residui del vaccino saranno distrutti nei lisosomi della cellula. I prodotti di degradazione vengono automaticamente scomposti ed eliminati dal corpo.

L’mRNA rimane nel citoplasma delle cellule e non può migrare verso il nucleo delle cellule (dove si trova il DNA). Inoltre, la struttura molecolare dell’mRNA è diversa da quella del DNA. Pertanto, non vi è alcun rischio di modifica genetica o danno al DNA dopo la somministrazione del vaccino. Inoltre, lo stesso mRNA non è molto stabile. Se non viene immediatamente convertito in proteine dai ribosomi, l’mRNA si rompe relativamente in fretta nelle cellule. Anche l’mRNA che non viene assorbito dalle cellule viene scisso relativamente in fretta.

I vaccini a vettori virali contenenti un DNA modificato per produrre la proteina S sono in fase di sviluppo. Nessun impatto sul DNA degli individui vaccinati è stato notato nei primi studi, ma è necessario un attento monitoraggio.

Il primo vaccino a DNA contro il Covid-19 è in fase di studio presso l’Istituto Pasteur. Il vaccino a DNA è probabilmente il più innovativo nel suo approccio, poiché nessun vaccino basato su questa tecnologia è stato ancora commercializzato per gli esseri umani.

Il suo principio: iniettare un frammento di DNA direttamente nelle cellule umane. Queste cellule riconoscono questo frammento di DNA e lo trascrivono in un frammento di RNA capace di indurre la produzione della proteina Spike del virus Covid-19.

Con questo vaccino a DNA, le nostre cellule diventano transitoriamente delle fabbriche che producono la proteina Spike. Questa proteina verrà poi riconosciuta dal sistema immunitario, che, per esempio, produrrà anticorpi per neutralizzarla e quindi prevenire l’infezione quando si verifica. Questo approccio vaccinale ha mostrato risultati promettenti negli animali. Gli studi clinici non sono ancora iniziati, quindi è difficile in questo momento sapere come si comporterà questo DNA.

 

QUALI SONO LE ULTIME NOTIZIE?

1- 28 dicembre 2020: la variante britannica

Il primo studio disponibile (Public Health England) confronta 1.769 casi di infezioni della variante tra il 20/09/2020 e il 15/12/2020 con 1.769 infezioni del virus classico.

Non c’è differenza tra i 2 gruppi in termini di tasso di ospedalizzazione, mortalità a 28 giorni e numero di reinfezioni. La variante non sembra quindi essere più virulenta. Questa conclusione si evolve man mano che vengono effettuati nuovi studi.

D’altra parte, la contagiosità della variante è del 50% superiore a quella del virus classico.

Gli esperti ritengono che il rischio che la variante sia resistente ai vaccini disponibili è molto basso. Ma non lo sapremo con certezza fino a diverse settimane a partire da oggi.

2- 21 gennaio 2021:

Un primo rapporto, direttamente dalla Gran Bretagna, evoca la possibilità che la variante britannica del Covid, oltre alla sua maggiore contagiosità (+50% circa), possa causare un aumento della mortalità di circa il 30%. I risultati devono ancora essere confermati, ma sono relativamente preoccupanti.

3- 22 gennaio 2021:

Negli Stati Uniti, più di 4 milioni di dosi di vaccino Moderna sono già state iniettate.

Sono stati riportati dieci casi di reazione anafilattica (allergia immediata), 9 dei quali si sono verificati entro i primi 15 minuti. Non ci sono stati decessi. Questo rappresenta il 2,5 dei casi su un milione di dosi, rispetto all’11,1 su un milione del vaccino Pfizer, che è già considerato “estremamente raro”.

4- 25 gennaio 2021:

Protezione contro le varianti: in un comunicato stampa pubblicato il 25 gennaio, il laboratorio Moderna dice che il suo vaccino è ancora efficace contro le diverse varianti provenienti dalla Gran Bretagna e un po’ meno per il vaccino sudafricano per il quale è allo studio un richiamo specifico.

5- 29 gennaio 2021:

Il vaccino di Astra Zeneca è autorizzato dalle autorità europee. Fare riferimenti ai dettagli sopra.

6- 2 febbraio 2021:

Viene pubblicato uno studio sul vaccino russo Sputnik V. Riporta un’efficacia del 91,6% per questo vaccino virale, che utilizza la stessa tecnologia del vaccino di Astra Zeneca. Una domanda di autorizzazione all’immissione in commercio è stata presentata all’EMA.

Sta a ciascuno di noi prendere una posizione su questi fatti, senza dimenticare che la nostra scelta ha delle conseguenze che vanno al di là della nostra persona, riguardando anche coloro che ci circondano.

 

Ci viene in mente la vecchia regola d’oro dell’etica: “ama il tuo prossimo come te stesso”.

 

 

Dottor Kohlia Stéveny, Bruxelles

Aggiornato al 03 febbraio 2021

Se potessimo essere come Dio
Vaccinazione contro il Covid 3/4 - Efficace o pericolosa?

Avventista Magazine

La rivista ufficiale della Federazione Chiesa Avventista del Settimo Giorno della Svizzera romanda e del Ticino.

Laissez votre commentaire

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti

Iscriviti per ricevere notifiche nella tua e-mail

Iscrivendoti, accetti le nostre Norme sulla protezione dei dati.

E-MAGAZINE

ADVENTISTE MAGAZINE TV

Top