Uragano Eta: vittime e danni anche tra gli avventisti in Guatemala e Honduras

Shares

Il passaggio dell’uragano Eta non è stato indolore in Paesi dell’America centrale come Guatemala e Honduras. Forti venti e piogge battenti hanno causato centinaia di vittime tra la popolazione e numerose devastazioni.

 

In Guatemala 
“L’uragano Eta ha provocato vari disastri in diverse parti del nostro Paese e ci ha toccato profondamente” ha affermato il past. Guenther Garcia, presidente della Chiesa avventista in Guatemala “Soffriamo per la perdita di nostri cari membri di chiesa, in particolare i tre bambini piccoli, e esprimiamo solidarietà alle 70.000 cittadini colpiti da Eta”.

Gli avventisti dell’ultimo giorno sono rattristati per la morte di quattro membri di chiesa, Adela Cal e i suoi tre figli di 5, 8 e 10 anni, dopo i fiumi sono esondati e le frane hanno seppellito molte case nel villaggio di Queja a San Cristobal Verapaz, nella parte nord-occidentale del Guatemala.

All’appello nel Paese mancano ancora diverse persone che risultano disperse, mentre la nazione conta le sue vittime: circa 200 persone hanno perso la vita.

“Fondi speciali di emergenza sono stati erogati per aiutare i membri” ha spiegato Garcia “Inoltre, due camion sono pronti per il trasporto di indumenti e prodotti alimentari non deperibili, oltre a 75 materassi nuovi”. I fondi della locale Agenzia Avventista per lo Sviluppo e il Soccorso (Adra) sono stati utilizzati a Peten, nel nord del Paese, per distribuire cibo, acqua e articoli da toeletta nelle aree colpite.

 

La chiesa ha finora identificato 219 famiglie avventiste che hanno perso le loro case. Otto chiese avventiste sono state aperte per accogliere i profughi, in tutto 796 persone. Chiusi a marzo in risposta alla pandemia, questi luoghi di culti sono stato riaperti per offrire rifugio alle famiglie sfollate, pur osservando i regolamenti di igiene e distanziamento fisico.

Dopo che le piogge si sono calmate il 4 novembre, gli avventisti delle regioni del nord e nord-ovest si sono mobilitati raccogliere cibo, acqua e vestiti per le vittime. “Con i propri fondi e altre donazioni, le chiese si sono mosse rapidamente per cucinare pasti caldi e assemblare sacchetti di cibo per molte delle persone colpite nelle comunità circostanti” ha affermato Gustavo Menendez, direttore delle Comunicazioni.

 

In Honduras 
L’uragano Eta, declassato a depressione tropicale, ha colpito anche l’Honduras, il 4 novembre scorso. Le piogge torrenziali hanno causato frane, straripamento di fiumi e allagamento di intere città, lasciando migliaia di persone bloccate. Oltre 50 sono i morti al momento.

 

“Abbiamo cercato di valutare i danni e le problematiche attuali che Eta ha causato sin dall’inizio della giornata” ha affermato Tegucigalpa Adan Ramos, presidente della Chiesa avventista in Honduras. La tempesta tropicale ha inondato la città di San Pedro Sula nella regione nord-occidentale del Paese.

“Non sapremo quale sarà il danno esatto fino a quando le acque non si placheranno, ma nel frattempo abbiamo organizzato l’assistenza per venire incontro alle necessità” ha aggiunto Ramos.

Chiese rifugio 
Diverse chiese non danneggiate e due scuole avventiste a San Pedro Sula hanno accolto le persone rimaste senza casa. I dirigenti hanno fatto appello al pubblico per ricevere cibo, denaro e altre provviste per le famiglie sfollate, tra le quali molti avventisti.

“Abbiamo perso tutto” ha detto Pati Valeriano, madre di cinque figli e membro della chiesa di San Pedro Sula. “Sono riuscita a scappare con i miei figli con pochissimo da casa nostra, e abbiamo nuotato verso la salvezza”. Ore dopo, ha incontrato il furgone della chiesa e, insieme ai suoli figli, è stata accompagnata in un rifugio. “Ringrazio la mia chiesa” ha aggiunti “Abbiamo bisogno di fede e preghiere in questa situazione”.

“Sono tempi molto difficili per l’intera regione” ha ribadito Walter Ciguenza, direttore delle Comunicazioni presso la denominazione in Honduras e pastore di 12 chiese a San Pedro Sula, otto delle quali sono state allagate. Due giorni dopo la tempesta, lui e altri pastori erano alla ricerca di persone bisognosi in diverse comunità. Le due scuole avventiste ospitano 130 sfollati in totale di ha detto. Valeriano, i suoi figli e il loro cane sono stati in una delle due scuole avventiste. Il numero degli avventisti colpiti nel nord-ovest dell’Honduras è salito a più di 500.

Héctor González, un anziano di chiesa, e la sua famiglia hanno aspettato per più di 24 ore prima di essere salvati. Erano tra le 40 persone in piedi all’ultimo piano della loro casa in attesa dei soccorsi. Quando li hanno visti arrivare, la sera di venerdì 6 novembre, hanno cantato un inno nel loro dialetto garifuna, per lodare e ringraziare Dio per la sua misericordia.

 

Adra
Grazie ai fondi stanziati dal suo network, Adra in Honduras assiste 1.500 famiglie con pacchi alimentari e kit igienici nell’area più colpita nel nord-ovest dell’Honduras.
Le inondazioni hanno distrutto i campi coltivati e questo genera grande preoccupazione. “È una situazione difficile, con la siccità prima del Covid-19, dovuta alla cosiddetta Niña, e sembra che non ci sia mai fine” riferisce Luis Trundle, direttore di Adra nel Paese. Ha poi reso noto che l’agenzia umanitaria avventista ha firmato un accordo con Usaid per fornire fondi  per offrire assitenza a 60 luoghi di accoglienza degli sfollati e ad altre 1.700 famiglie di San Pedro Sula.

La chiesa continuerà a impegnarsi per assistere chi ha bisogno. “La richiesta è grande per noi, ma continueremo a muoverci per dare tutto l’aiuto possibile” ha concluso il past. Ramos.

 

 

Fonte: HopeChannel Italia

Stati Uniti: l’Università Oakwood celebra 124 anni di servizio
Anniversario Riforma Protestante: novità in Spagna e in Germania

Laissez votre commentaire

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti

Iscriviti per ricevere notifiche nella tua e-mail

Iscrivendoti, accetti le nostre Norme sulla protezione dei dati.

E-MAGAZINE

ADVENTISTE MAGAZINE TV

Top