Soli, insieme

Shares

I consigli di un’introversa per sopravvivere alla distanza sociale

 

I miei sogni si sono avverati! Non avrei mai immaginato che questo giorno sarebbe arrivato. A causa dell’aumento dei casi confermati di COVID-19, 43 stati e il Distretto della Columbia hanno emesso ordini di restare a casa. Stati come la California e New York hanno cancellato tutto, chiedendo a tutti di rimanere a casa! Nessun assembramento con oltre 10 persone. Rimanere a un metro e mezzo di distanza da tutti. Niente scuola, tornei di pallavolo affollati, o partite di calcio domenicali di 10 ore. Niente feste, niente appuntamenti, niente chiacchiere imbarazzanti con gli sconosciuti. Vi presento (rullo di tamburi, per favore) …la distanza sociale! Il sogno di un introverso, ma l’incubo di un estroverso.

 

La reazione di un introverso alla distanza sociale

Dopo tre giorni di questo sogno, sono tornata a casa dal lavoro e mio figlio di 11 anni mi è venuto incontro in garage. Era come un cucciolo desideroso di togliersi il guinzaglio. Bloccato in casa tutto il giorno, mi è praticamente saltato tra le braccia implorando: “Mamma, posso andare al parco a giocare con i miei amici?”. Era ancora turbato da questa questione della distanza sociale, non capiva che ai bambini non era più permesso giocare nei parchi. “No, figlio mio, non possiamo andare”. La sua reazione mi ha spezzato il cuore. Grandi lacrimoni gli hanno rigato il volto; desiderava tantissimo uscire con i suoi amici.

Ciò che mi ha allarmato è stato il fatto che fosse il mio figlio più introverso. Dopo quattro giorni di isolamento, con otto settimane ancora davanti a noi, era diventato difficile per tutti. Introversi, estroversi, bambini, adulti, insegnanti, operatori sanitari, predicatori e commessi di negozi alimentari. La cosa cominciava a farsi seria, per tutti.

Anche se è difficile per tutti, non è un segreto che gli introversi reagiscono meglio quando si tratta di sopravvivere alla distanza sociale. Mentre gli estroversi se la cavano meglio nelle relazioni sociali, gli introversi hanno una marcia in più quando si parla di solitudine. Quindi, se non vi dispiace, io, come persona introversa, vorrei condividere con voi alcuni consigli su come massimizzare, o almeno sopravvivere durante questo periodo di separazione.

 

  1. Approfittare del tempo

Ogni introverso sa che i tempi di solitudine sono rari. Dieci minuti tra gli allenamenti di calcio, i weekend fuori porta, finisce tutto prima di quanto vorremmo. Ma la verità è che non siamo mai veramente pronti.

Detto questo, sappiamo quanto sia importante approfittare di questo tempo. Ci sono cose che si possono fare ora, cose che non si potranno fare quando il mondo riprenderà a viaggiare alla sua velocità. Ci sono cose che si possono fare ora, cose che cercavi di fare da settimane, mesi o anni, senza mai riuscire a trovare il tempo. Fatele adesso!

Di solito vorrei avere più tempo per riposare e ristorare il mio corpo e la mia mente. Quindi il riposo è la mia priorità. Dormo più a lungo per il riposo fisico, scrivo di più sul mio diario per il riposo emotivo, prego di più per il riposo spirituale e gioco di più per il riposo sociale. Mi siedo al sole con i miei figli, mi godo i pigri pomeriggi della domenica pomeriggio, leggo il mio libro preferito e sorseggio una tazza di tè.

È difficile trovare tempo per il riposo nel normale ritmo della nostra vita. Per quanto lungo o breve possa essere questo periodo, io mi riposo. E voi, cosa farete? Qualunque cosa facciate, assicuratevi di approfittare del tempo: tutto questo sarà finito prima che ve ne accorgiate.

 

  1. Rivalutare la propria vita

Quando smettiamo di andare a mille allora, possiamo rivalutare la nostra vita. Essere in movimento è un ottimo modo per non accorgersi delle cose che non funzionano. Quando la mia vita ha rallentato mi sono resa conto che la maggior parte di ciò che faccio è per il piacere degli altri. Ho passato poco o nessun tempo a dedicarmi ai miei interessi o ai miei hobby. Ho cominciato a chiedermi se il motivo del mio esaurimento cronico non fosse dovuto al fatto di fare troppo, ma al fatto di fare troppo poco di ciò che rendeva felice il mio cuore.

Mentre io mi dedico a rivalutare la mia vita, altri stanno rivalutando i propri matrimoni. Secondo un articolo del New Yorker intitolato “To Have and to Hold, in Quarantine and in Health”, quando le restrizioni di quarantena sono state abolite in Cina, il tasso di divorzi è aumentato. Lawrence Birnbach, uno psicoanalista che ha scritto il libro “How to Know if It’s Time to Go”, prevede che con il calare della pandemia negli Stati Uniti anche qui ci sarà un aumento del tasso di divorzi. Laura Wasser, un avvocato divorzista di Los Angeles, afferma: “Un’esperienza di quarantena, soprattutto dove ci sono questioni irrisolte di risentimento e di scarsa comunicazione, potrebbe essere devastante per una relazione coniugale”.

Credo che ciò sia dovuto in parte al fatto che quando la vita rallenta, i mariti e le mogli possono rendersi conto che, senza un intenso programma dopo la scuola, non hanno nient’altro di cui parlare. Questo tempo ci offre l’opportunità di rivalutare le nostre relazioni familiari e coniugali. Ora possiamo vedere le crepe delle piastrelle della cucina e la vernice scheggiata sulle pareti della camera da letto. Erano sempre lì, ma venivano sempre ignorate. Vi incoraggio a usare questo tempo per trovare le crepe, i buchi e i problemi ignorati, prestando loro attenzione.

 

  1. Pensare in modo creativo

Questo tempo impedisce anche la maggior parte delle nostre occasioni di assembramento abituali. Gli edifici di educazione fisica, gli edifici della chiesa, i complessi di calcio, le strutture per l’allenamento e i centri commerciali sono off limits. Ma la gente ha ancora bisogno di educazione, di vivere un momento di adorazione, di sport, di essere in forma, di fare shopping. In questo momento, i creativi devono emergere. Se c’è mai stato un momento per pensare fuori dagli schemi, quel momento è adesso, perché abbiamo un disperato bisogno di un modo per connetterci.

Sono tanto ispirata dalle mamme che trasformano i salotti in aule per far sì che i loro figli si laureino. Pastori che hanno creato dei santuari attraverso le telecamere, per portare speranza alle persone intrappolate in casa. I bambini che creano dell’arte con i gessetti sui vialetti di casa, lasciando un messaggio di incoraggiamento per le famiglie che passano. Allenatori che fanno programmi online con cuscini del divano e brocche d’acqua, per aiutare le persone a mantenersi in forma. Designer che promuovono linee di abbigliamento per far vestire le persone di tutto punto. L’assenza dei nostri tradizionali luoghi di ritrovo ha spianato la strada ai creativi, che non si arrendono ma anzi, si innovano.

È possibile che queste innovazioni creative non solo ci aiutino a sopravvivere alla nostra situazione attuale, ma che rimangano con noi come parte della nostra nuova normalità.

 

Lezioni tratte dallo stare soli, insieme

Questo è un periodo stressante per tutti noi. Nessuno avrebbe potuto prevedere che oggi avremmo affrontato queste difficoltà. La maggior parte di noi si aspettava di celebrare matrimoni, di andare ai concerti, di organizzare crociere tropicali, di laurearsi e di giocare a partite di basket. Invece, non stiamo facendo nessuna di queste cose. Siamo a casa nostra. Soli. Ma fatevi coraggio, perché siamo soli, insieme.

Un giorno tutto questo finirà e la vita tornerà come l’abbiamo sempre conosciuta. Nel frattempo, possiamo imparare dagli introversi, dagli esperti in distanziamento sociale, ad approfittare di questo periodo per rivalutare la nostra vita, oltre che per usare questo tempo per pensare e produrre in modo creativo.

 

 

Di Tanzy Chandler

Fonte: https://www.messagemagazine.com/relationship/alone-together/

Traduzione: Tiziana Calà

Come restare in salute a casa
Rischio di carestie di proporzioni bibliche a causa di guerre, crisi e coronavirus

Avventista Magazine

La rivista ufficiale della Federazione Chiesa Avventista del Settimo Giorno della Svizzera romanda e del Ticino.

Laissez votre commentaire

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti

Iscriviti per ricevere notifiche nella tua e-mail

Iscrivendoti, accetti le nostre Norme sulla protezione dei dati.

E-MAGAZINE

ADVENTISTE MAGAZINE TV

Top