Il perdono in isolamento 

Shares

Quando siamo isolati con la nostra famiglia, i problemi che a volte ignoriamo facilmente diventano più grandi, rendendo sempre più evidente il bisogno di ricevere e offrire il perdono a chi ci circonda. 

 

Allison Waters Fowler è cresciuta in una famiglia che voleva dedicare più tempo possibile allo sviluppo fisico, emotivo e spirituale dei tre figli della famiglia. 

 

Quando non era a casa, nel paesaggio da sogno delle montagne del Montana, la famiglia Waters si trovava di solito in uno dei ritiri di famiglia che organizzava per coloro che volevano ricostruire le proprie relazioni e sviluppare una vita spirituale. Questa esperienza di vita ha dato ad Allison forti convinzioni e la sua autentica relazione con Dio è stata fonte di incoraggiamento per molti. Le abbiamo chiesto di condividere la sua esperienza insieme a ciò che, attraverso la preghiera, ha capito del perdono. 

 

A volte possiamo sentirci oppressi dai nostri peccati anche dopo aver pregato per il perdono. Come possiamo essere sicuri che Dio ci ha perdonati? 

Non ci possiamo fidare dei nostri sentimenti. Se l’uomo vicino alla piscina di Betesda avesse aspettato di sentirsi guarito prima di credere, non avrebbe ricevuto quella ricca benedizione. Invece, ha preso Gesù in parola e ha agito. La sua fede è entrata in azione grazie alle parole del suo Salvatore, diventando realtà. Gesù dice: “Vi sia fatto secondo la vostra fede” (Matteo 9:29)Poiché chi si accosta a Dio deve credere che egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo cercano” (Ebrei 11:6). Se abbiamo confessato e abbandonato i nostri peccati, abbiamo la completa certezza dalla Parola di Dio, che ci assicura che ci perdonerà sempre (cfr. Isaia 55:7). 1 Giovanni 1:9 dice: “Se confessiamo i nostri peccati, egli è fedele e giusto da perdonarci i peccati e purificarci da ogni iniquità”. Promette anche: “Anche se i vostri peccati fossero come scarlattodiventeranno bianchi come la neve; anche se fossero rossi come porpora, diventeranno come la lana” (Isaia 1:18). Se ti accorgi che stai peccando di nuovo, non arrenderti. Alzati e torna a Dio, come ha fatto il figliol prodigo. Confessati, pentiti, chiedi perdono e cammina ancora una volta per la Sua grazia! 

 

Per chiunque sia alla ricerca di ulteriore aiuto e incoraggiamento su questo argomento, vi incoraggio a leggere le parole ispirate che si trovano in La via migliore, capitoli 3-6. Sono molto utili e incoraggianti! 

 

Qual è il ruolo della preghiera nelle piccole decisioni della vita? Non dovremmo fare alcune cose da soli? Che cosa significa chiedere aiuto a Dio in ogni cosa? 

Dio vuole che ci rendiamo conto dell’incredibile privilegio che abbiamo di sviluppare un vero rapporto/amicizia con Lui. Lui è sempre lì per noi eppure, purtroppo, spesso ci comportiamo come se non avessimo nessuno con cui condividere i fardelli, le preoccupazioni e le perplessità della vita. Egli dice: “Venite a me, voi tutti che siete affaticati e oppressi, e io vi darò riposo” (Matteo 11:28). Non vuole che ci preoccupiamo o che ci stressiamo a motivo delle nostre preoccupazioni. Vuole che parliamo con Lui, proprio come a un amico, lasciando tutti i pesi ai Suoi piedi. 

 

Non solo desidera aiutarci nelle grandi e piccole sfide della nostra vita, ma ama anche ascoltare le cose di cui ci rallegriamo e di cui siamo grati. Non solo possiamo parlare con Lui per mezzo di preghiere formali, ma anche mentre lavoriamo, camminiamo, giochiamo, viaggiamo, qualsiasi cosa facciamo, possiamo elevare i nostri bisogni e lodarlo con parole e canti. Più ci apriamo a Lui e condividiamo il nostro cuore come a un amico, più saremo connessi e avremo soluzioni anche di fronte alle più semplici perplessità. Personalmente ho trovato il bello di portare a Lui lo stress quotidiano invece di stare sveglia la notte, preoccupandomi per come risolvere il problema. 

 

Qual è la connessione tra la preghiera, lo spirito di perdono e i buoni rapporti familiari? 

La connessione tra la preghiera e le relazioni sane è inseparabile. È nella preghiera che troviamo la pace e il perdono per la nostra vita. Quando vivremo questa esperienza, essa si riverserà sulle nostre famiglie. Quando siamo in pace con Dio, è molto più facile essere in pace gli uni con gli altri. Non diamo più la colpa agli altri per le nostre risposte o azioni sbagliate, ma prendiamocene la responsabilità, chiedendo perdono a coloro a cui abbiamo fatto un torto e al Signore. Ricordiamo che il perdono di cui abbiamo avuto bisogno nella nostra vita è lo stesso che dobbiamo offrire alle nostre famiglie. La preghiera è una fonte di forza che ci aiuta ad avere la saggezza per sapere come gestire le circostanze della nostra vita e come meglio amare e incoraggiare i nostri familiari. Abbiamo anche trovato un enorme beneficio nel pregare insieme come famiglia per i nostri bisogni, per il perdono dei nostri peccati, per i bisogni degli altri, esprimendo gratitudine al Signore per le sue abbondanti benedizioni. Quando la nostra famiglia è unita dalla forza del Signore che si trova nella preghiera e nella Sua Parola, siamo una famiglia indistruttibile e felice, indipendentemente dalle circostanze. 

 

 

Di Norel Iacob, redattore capo della ST 

Fontehttps://st.network/health/covid-19/covid-19-forgiveness-in-isolation.html 

Traduzione: Tiziana Calà 

Paraguay: battezzata in carcere grazie ai Ministeri Femminili
Iran: Chiese segrete online durante il Covid-19  

Avventista Magazine

La rivista ufficiale della Federazione Chiesa Avventista del Settimo Giorno della Svizzera romanda e del Ticino.

Laissez votre commentaire

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti

Iscriviti per ricevere notifiche nella tua e-mail

Iscrivendoti, accetti le nostre Norme sulla protezione dei dati.

E-MAGAZINE

ADVENTISTE MAGAZINE TV

Top