Liberati gli operatori ADRA rapiti in Congo

Shares

Due operatori umanitari dell’Agenzia Avventista per lo Sviluppo e il Soccorso (Adra), insieme a una persona non identificata, sono stati rilasciati il 3 novembre da rapitori anonimi nella Repubblica Democratica del Congo (Rdc). I tre stavano tornando dal campo profughi di Mulongwe, nella provincia del Kivu meridionale, quando sono stati rapiti e trattenuti contro la loro volontà. L’autista del gruppo è stata la quarta persona rapita, rilasciata poco dopo.

Adra ha lavorato a stretto contatto con le autorità locali per comunicare con i rapitori ed è rimasta in contatto con le foamiglie dei rapiti. Dopo quattro giorni, tutti e tre gli ostaggi sono stati rilasciati incolumi e trasferiti in ospedale per un controllo medico.

“Siamo molto felici di aver assicurato il ritorno dei nostri operatori” ha affermato Michael Kruger, presidente di Adra internazionale “Siamo molto grati a Dio per averli protetti, alle autorità locali e al nostro team che hanno collaborato in questa rischiosa missione. Sebbene questa sia una buona notizia, gli attacchi contro gli operatori umanitari rimangono elevati. È una situazione che non riguarda solo il nostro personale, ma anche le comunità che serviamo. Continueremo a rivedere e rafforzare le nostre misure di sicurezza per garantire la protezione e l’incolumità di tutti i nostri operatori umanitari, in modo da poter continuare a intervenire e assistere tante famiglie vulnerabili”.

Questo è il secondo attacco agli operatori di Adra nella Rdc dal 2009, e all’epoca costò la vita a un dipendente dell’agenzia umanitaria avventista. Nel 2019, gli attacchi contro gli operatori delle organizzazioni umanitarie in generale hanno superato tutti i record precedenti: 483 sono stati attaccati e 124 rapiti, secondo Humanitarian Outcomes ’Aid Worker Security Database. Adra condanna questi attacchi e chiede chiarezza sulla responsabilità dei colpevoli e giustizia per i sopravvissuti.

L’agenzia avventista opera nella Rdc dalla metà degli anni ’90, dove offre supporto ai rifugiati che ritornano in patria tramite la distribuzione di ricoveri, articoli non alimentari, la difesa dei diritti di proprietà dei terreni; ha anche svolto un ruolo chiave nel ridurre al minimo la diffusione dell’epidemia di Ebola rendendo consapevoli le comunità fuori mano sull’importanza dell’igiene ed equipaggiandole con prodotti adeguati. L’agenzia ha anche stabilito un accordo con il Ministero della Salute e il Ministero dell’Istruzione della Rdc per costruire cliniche e scuole.

Adra 
L’Agenzia Avventista per lo Sviluppo e il Soccorso è il braccio umanitario internazionale della Chiesa avventista e svolge il suo servizio umanitario in 118 Paesi del mondo. Offre sviluppo sostenibile nelle comunità e soccorso in caso di calamità. Lo scopo di Adra è servire l’umanità perché tutti possano vivere come Dio voleva fin dal principio.

 

 

Fonte: HopeMedia Italia

Neuroplasticità e discepolato: come la formazione può trasformarci
"Ho trovato la speranza grazie a un libro"

Laissez votre commentaire

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti

Iscriviti per ricevere notifiche nella tua e-mail

Iscrivendoti, accetti le nostre Norme sulla protezione dei dati.

E-MAGAZINE

ADVENTISTE MAGAZINE TV

Top