La Chiesa Avventista interviene in seguito al crollo a Miami

Shares

Il personale e i volontari dei Servizi comunitari avventisti collaborano con le autorità per gli aiuti alle famiglie colpite dal disastro.

 

Il crollo di un’ala del Champlain Towers South, palazzo di 13 piani nei pressi di Miami, in Florida, avvenuto alle prime ore del 24 giugno, ha causato la morte di 24 persone. 121 sono ancora i dispersi tra le macerie. Due giorni fa è stata effettuata la demolizione controllata della parte rimasta in piedi dell’edificio costruito nel 1981.

L’organizzazione nazionale dei Servizi comunitari avventisti (Acs), che interviene nelle calamità all’interno degli Stati Uniti, ha valutato la situazione per capire come aiutare al meglio la comunità colpita.
“Le autorità locali della Florida ci hanno chiesto di offrire assistenza nelle operazioni di magazzinaggio” affermano da Acs. Per questo i dirigenti di Acs Disaster Response (Acs DR) hanno formato un gruppo che si occuperà della gestione del magazzino e opererà 24 ore al giorno nella prima settimana.

Oltre a un magazzino statale, Acs ha creato siti di distribuzione locale. La Croce Rossa americana ha anche chiesto ad Acs di provvedere all’assistenza emotiva e spirituale alle famiglie colpite dal disastro. “Poiché la Florida è stata teatro di diverse situazioni difficili negli ultimi tempi, abbiamo già a disposizione degli operatori accreditati per questo servizio” precisa Acs.

Il personale dei Servizi comunitari avventisti si è riunito il 1° luglio, presso il magazzino Feeding South Florida a Pembroke Park, a circa 15 minuti di auto dal luogo del disastro. “Questa zona della città è chiusa. Al momento è consentito l’accesso solo al personale di intervento e ai residenti entro un raggio di 15 isolati. La polizia controlla che le restrizioni siano applicate” spiega Acs.

A ogni componente del gruppo è stato assegnato un ruolo preciso. Oltre a raccogliere i beni donati, Acs ha individuato vari luoghi di distribuzione, tra cui alcune chiese avventiste nelle vicinanze, da dove i volontari forniranno gli articoli necessari direttamente alle famiglie colpite. Inoltre, il team si è recato sul luogo del disastro e ha incontrato “Serve Florida” presso il suo centro operativo. Hanno discusso i tipi di supporto che Acs riterrebbe utili, tra cui la copertura dei costi di viaggio dei volontari, l’aumento della messaggistica al pubblico per la richiesta di donazioni e il supporto al trasporto per consegnare i prodotti del magazzino alle persone interessate.

“Saranno giorni lunghi, ma confidiamo che molti saranno aiutati dal nostro lavoro, e daremo una buona testimonianza a coloro che ci osservano” afferma W. Derrick Lea, direttore di Acs presso la Regione Nordamericana della chiesa.

 

 

Fonte: HopeMedia Italia

Tornado in Cechia: ADRA impegnata nei soccorsi
Portogallo: 20 anni di libertà religiosa

Laissez votre commentaire

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti

Iscriviti per ricevere notifiche nella tua e-mail

Iscrivendoti, accetti le nostre Norme sulla protezione dei dati.

E-MAGAZINE

ADVENTISTE MAGAZINE TV

Top