Il miglior anno della mia vita

Shares

Una giovane avventista condivide la sua esperienza come missionaria in Indonesia

 

Ho iniziato a cercare opportunità di servire all’estero come volontaria quando avevo solo 16 anni!

Ero emozionata all’idea di servire all’estero, ma mi rendevo conto che probabilmente non sarebbe successo ancora per qualche anno. Tuttavia, mi piaceva leggere le descrizioni degli incarichi sul sito del Servizio Volontari Avventisti(SVA) e immaginare come sarebbe stato insegnare all’estero come missionaria.

Tuttavia, quando ho iniziato l’università mi sono dimenticata di tutto questo. La mia attenzione si è rapidamente rivolta a ciò che avrei fatto dopo la laurea, e gli sforzi missionari non rientravano più nelle mie priorità. Stranamente, durante l’ultimo anno di studi ho preso una pausa per fare un lavoro missionario in India per un mese… non era esattamente il momento migliore per andare! Anche se ho vissuto un’esperienza meravigliosa, quando sono tornata, ero ancora certa che un’opportunità di missione a lungo termine non faceva parte del piano.

Andiamo avanti veloce fino ai miei 22 anni. Mentre cercavo lavori per laureati e programmi per laureati, ho capito che il lavoro ideale per me sarebbe stato uno che mi lasciasse abbastanza tempo libero per essere attiva nel ministero al di fuori del mio ambito lavorativo. Ero desiderosa di essere più coinvolta nella mia comunità locale. Mentre riflettevo su ciò che volevo da un lavoro, ho capito che stavo descrivendo una chiamata SVA! Sapevo che, una volta che avessi fatto carriera, era improbabile che avrei scelto di servire per un anno o più. Così, ho deciso di fare volontariato prima, per dare priorità al servizio.

Ho cercato delle opportunità sul sito SVA e ho fatto domanda per un posto di insegnante alla Malang Adventist Academy. La mia richiesta è stata approvata e nel luglio 2018 sono partita per l’Indonesia. Era esattamente il giorno dopo il mio 23° compleanno; sono salita su un aereo e ho trascorso un anno incredibile nel paese che mi ha ospitata. Senza dubbio, questo è il miglior “regalo” che mi sia mai fatta!

C’è molto che potrei dire sulla mia esperienza in Indonesia. Infatti, ho cercato di “riassumere” l’intera storia in una “breve” presentazione (160 slide!) che mi piace condividere con famiglia e amici. Ma è sufficiente dire che è stata una sfida, nel senso migliore del termine. Anche se ci sono stati molti alti e bassi, il mio periodo trascorso alla Malang Adventist Academy è stato assolutamente il migliore anno della mia vita.

 

Una scuola che fa la differenza

La scuola accoglie studenti di tutte le confessioni e fedi e sta veramente facendo la differenza nella vita dei suoi studenti. Uno dei miei studenti, che proveniva da un ambiente di culto domenicale, è ora un membro battezzato della Chiesa Cristiana Avventista del Settimo Giorno, grazie alla sua esperienza nella scuola. Inoltre, sono stata felicemente sorpresa quando uno studente musulmano si è iscritto a un campeggio scout, anche se sapeva che questo avrebbe incluso molti servizi di culto durante i tre giorni dell’evento. Ha partecipato volentieri e si è divertito! Mi è piaciuto contribuire alla vita spirituale di tutti i miei studenti condividendo la mia testimonianza, guidando le meditazioni e incoraggiandoli a pregare.

Ci sono così tante cose che mi mancano dell’Indonesia. Dagli abbracci di cui sono stata ricoperta dai miei studenti delle elementari, alla sfacciataggine dei miei studenti dell’ultimo anno, e persino lo stress dei miei studenti del terzo anno! Per non parlare del lusso di non dover cucinare o fare il bucato per un anno intero! Attraverso questa esperienza, ho imparato così tanto su me stessa e su Dio. Sono grata per i colleghi fantastici e per la comunità di chiesa che è stata incredibilmente amorevole e premurosa fin dall’inizio. Malang sarà sempre come una seconda casa per me.

Se il lavoro missionario è qualcosa che ti interessa, allora ti consiglio vivamente di fare domanda attraverso il sito SVA. Il corso obbligatorio di preparazione alla missione è una risorsa eccellente per assicurare che tutti i potenziali missionari siano pronti per ciò che li aspetta. Mi è stato anche richiesto di partecipare a una sessione di formazione in Tailandia (organizzata per tutti i missionari che servono in quella Divisione). È stato meraviglioso incontrare altri missionari e sperimentare la cultura thailandese.

Quando mi trovavo lì, una delle mie richieste di preghiera era ricevere chiarezza su ciò che sarebbe accaduto in seguito: era una cosa da fare una volta nella vita o una cosa che doveva continuare per il resto della mia vita? Ho percepito che la volontà di Dio per me era la seconda opzione, e non vedo l’ora di iniziare presto il mio viaggio come missionaria.

Da quando sono tornata nel Regno Unito, due anni fa, Dio ha aperto delle porte che mi hanno permesso di iniziare la formazione per diventare una contabile. Tuttavia, il mio obiettivo è stato quello di rimanere attiva nel ministero e di non aspettare fino al mio ritorno al lavoro missionario a tempo pieno per servire Dio. Come scrittrice, ho continuato a portare avanti il blog che ho avviato mentre ero in Indonesia: The Holy Grain. Sono veramente grata che il mio tempo di servizio in Indonesia mi abbia ispirata a iniziare un blog che ancora oggi è frutto di benedizioni a lettori di tutto il mondo.

 

 

Di Grace Nkeshimana, per Trans-European Division News

Fonte: https://www.adventistreview.org/best-year-of-my-life

Traduzione: Tiziana Calà

Il Presidente del Ghana alle celebrazioni per i 100 anni della Chiesa Avventista
I segreti del cuore

Avventista Magazine

La rivista ufficiale della Federazione Chiesa Avventista del Settimo Giorno della Svizzera romanda e del Ticino.

Laissez votre commentaire

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti

Iscriviti per ricevere notifiche nella tua e-mail

Iscrivendoti, accetti le nostre Norme sulla protezione dei dati.

E-MAGAZINE

ADVENTISTE MAGAZINE TV

Top