Perché i cristiani fanno del bene?

Shares

Il pastore Glenn Townend suggerisce che non ci dovrebbe essere un secondo fine quando si tratta di aiutare gli altri.

 

Gli abitanti del villaggio locale furono molto sorpresi quando alcuni avventisti di un villaggio vicino vennero e diedero un secchio a ciascuno. I secchi permettono di trasportare acqua, utensili e vestiti puliti nei villaggi del Pacifico, quindi sono oggetti di valore.

Le persone erano contente di ricevere un secchio, ma erano titubanti riguardo il motivo di questa azione, dubbio che espressero chiedendo: “Ci state dando questo secchio per evangelizzarci?”.

Come pastore, mi sono trovato ad ascoltare persone con passati diversi, cercandole di aiutare a risolvere i loro problemi. Quando non sei obbligato ad aiutarle, la gente si chiede perché lo stai facendo, che cosa c’è sotto.

Perché gli avventisti del settimo giorno fanno del bene? Falciamo i prati dei nostri vicini o togliamo le erbacce dei loro giardini per convertirli? Cerchiamo delle cure alle malattie e gestiamo cliniche e ospedali per battezzare più persone? Facciamo fronte alle sofferenze causate da disastri come inondazioni, siccità o cicloni per poter evangelizzare? Gestiamo una mensa dei poveri per migliorare la reputazione della nostra chiesa?

La Bibbia dice che i discepoli di Gesù sono creati per fare le opere buone (Efesini 2:10). Gesù è stato molto chiaro sul fare del bene. La bontà del sole e della pioggia è data a tutti (Matteo 5:45). Dobbiamo fare del bene in segreto, senza aspettarci alcun riconoscimento (Matteo 6:2-3). Le pecore nella parabola del giudizio non si erano rese conto che le loro buone azioni verso gli altri sarebbero state considerate come delle buone azioni verso Dio stesso (Matteo 25:38-39). Quindi, facciamo il bene semplicemente perché è la cosa buona e giusta da fare.

Tuttavia, è vero che fare del bene tocca spesso il cuore delle persone, aprendole a un cammino spirituale. Se le nostre buone azioni fanno nascere un desiderio di capirne di più, siamo chiamati a condividere il motore di tutto, Gesù. Gesù è buono; ha fatto del bene, che la gente accettasse il suo messaggio e la vita che offriva loro oppure no. Allo stesso modo, come discepoli di Cristo, dovremmo continuare a fare del bene a tutti, condividendo con quanti vogliono saperne di più.

 

Di Glenn Townend

Fonte: https://bit.ly/36eKN5s

Traduzione: Tiziana Calà

Ricostruzione di un orecchio grazie alla stampa 3D
Proteggere la salute delle ossa

Avventista Magazine

La rivista ufficiale della Federazione Chiesa Avventista del Settimo Giorno della Svizzera romanda e in Ticino.

Laissez votre commentaire

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti

Iscriviti per ricevere notifiche nella tua e-mail

Iscrivendoti, accetti le nostre Norme sulla protezione dei dati.

E-MAGAZINE

ADVENTISTE MAGAZINE TV

Top