Un grazie dai Ministeri per la salute della chiesa europea

Shares

Messaggio di Valérie Dufour nell’emergenza coronavirus.

 

La responsabile del dipartimento che si occupa della salute presso la sede della chiesa avventista in Europa (Eud) ha rivolto un messaggio di ringraziamento a tutti coloro che sono impegnati in prima linea nella pandemia ma anche ai cittadini che dimostrano responsabilità in questo tempo difficile.

Così scrive Velérie Dufour sul sito Eud News.

In questo periodo di pandemia, crisi e sofferenza, vorrei esprimere la mia gratitudine:
– a medici e personale sanitario che instancabilmente, e a rischio della propria salute, lavorano in prima linea nell’epidemia;
– a coloro che hanno deciso di mettersi in quarantena dalle loro famiglie per poter servire coloro che sono colpiti dal virus;
– ai dirigenti delle nostre istituzioni mediche e al loro team amministrativo che guidano le loro “navi” nelle acque turbolente;
– a chi lavora nella case di riposo per il loro impegno nel proteggere i residenti a rischio;
– ai medici ricercatori impegnati a trovare una cura al Covid-19;
– a tutti coloro che sono coinvolti nella pulizia delle istituzioni mediche e case di cura, perché il loro ruolo è così importante;
– a coloro che lavorano in cucina, nei dipartimenti tecnici e nell’amministrazione di ospedali, cliniche e case di riposo;
– a pastori e cappellani che condividono parole di speranza e fede;
– a coloro che si occupano di salute mentale e offrono sostegno psicologico;
– a chi incoraggia gli altri tramite messaggi, video o musica;
– a coloro che tramite linee telefoniche dirette e l’ascolto attivo aiutano le persone ad affrontare le sofferenze;
– a quanti mantengono i contatti con le persone ammalate tramite telefonate o videochiamate;
– a coloro che hanno dato i loro numeri di telefono ai vicini per aiutarli quando ne hanno bisogno;
– a coloro che alleviano il dolore e la solitudine di chi è solo in casa da diverse settimane a causa delle restrizioni;
– a chi si occupa di fare la spesa per le persone a rischio;
– a coloro che, nonostante la relativa libertà di movimento, scelgono di evitare di visitare parenti e amici per scongiurare la diffusione della malattia;
– a coloro che pregano per gli altri;
– a coloro che offrono cibo agli affamati;
– a tutti quelli che sto dimenticando qui, ma che fanno anche cose straordinarie per gli altri;
– a Dio, che non è solo la sorgente della vita ma anche la fonte dell’amore.

Grazie a tutti!

 

 

Fonte: Il Messaggero Avventista

Rischio di carestie di proporzioni bibliche a causa di guerre, crisi e coronavirus
Covid-19: ADRA assiste 2,4 milioni di famiglie nel mondo

Laissez votre commentaire

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti

Iscriviti per ricevere notifiche nella tua e-mail

Iscrivendoti, accetti le nostre Norme sulla protezione dei dati.

E-MAGAZINE

ADVENTISTE MAGAZINE TV

Top