Perché la bomba non è esplosa?

Shares

Una famiglia missionaria in Myanmar condivide come Dio li ha protetti da morte certa.

 

Htay Soe e sua moglie, Hla Chit*, lavorano come insegnanti tra il popolo Karen nella giungla di Myanmar. La dedizione di Htay Soe e Hla Chit all’insegnamento ha incoraggiato molti giovani a impegnarsi nello studio e a prepararsi per il futuro. I genitori dei bambini amavano molto la coppia a motivo della passione e dedizione che impiegavano nell’insegnamento in favore dei loro figli. In questo villaggio di circa 120 case di bambù, ci sono circa 170 studenti, dall’asilo alla terza media.

Htay Soe è il preside e sua moglie è la responsabile delle iscrizioni. Hla Chit è una donna Lal-hu dello stato Shan, ma i suoi diversi anni di lavoro con il popolo Karen le hanno permesso di parlare nella lingua locale, conquistando il cuore della gente del villaggio.

Un giorno, la scuola aveva una cerimonia di consegna del diploma per gli alunni di terza media. Htay Soe aveva invitato diversi ospiti per commemorare l’evento e renderlo memorabile per i bambini e le loro famiglie. I genitori erano felici di vedere i risultati dei loro figli grazie al lavoro di Htay Soe e Hla Chit.

Pochi giorni dopo il diploma, il figlio di Htay Soe si è ammalato. Aveva bisogno di essere portato alla clinica più vicina, che era a tre ore di motocicletta. Htay Soe era molto preoccupato. Con la sua famiglia, ha pregato per la guarigione, per poi partire per la clinica. La febbre di suo figlio non diminuiva, così hanno continuato la strada. Dopo tre ore, la sua famiglia ha raggiunto la clinica.

Mentre erano in clinica, Htay Soe ricevette una chiamata dal pastore della scuola che gli diceva di tornare a casa prima del tramonto, perché c’era un imminente conflitto tra i Karen e i soldati birmani. Dopo aver preso le medicine per suo figlio, prese sua moglie e suo figlio e si diresse subito a casa.

Sulla strada di casa, la coppia notò che gli alberi lungo la strada erano stati abbattuti. Dovettero aggirare gli ostacoli. Arrivarono a un punto in cui la strada si divideva in due. Qualcuno aveva detto a Htay Soe che la strada più facile era stata disseminata di mine.

Da lontano potevano sentire che la battaglia era iniziata. Htay Soe e la sua famiglia si inginocchiarono e pregarono in mezzo alla strada, chiedendo la protezione e la guida di Dio. Con rinnovato coraggio e fiducia in Cristo, Htay Soe scelse la strada difficile.

Guidò lungo questa strada difficile e in poco tempo, Htay Soe e la sua famiglia arrivarono a casa sani e salvi. Suo nipote era felice di vederli tornare, perché aveva molta paura di rimanere da solo in casa mentre i combattimenti erano in corso.

Htay Soe e la sua famiglia erano esausti, così chiese a suo nipote di andare a prendere dell’acqua per loro. Htay Soe voleva iniziare a cucinare, così decise di andare al bunker a prendere della legna da ardere.

Quando stavano per uscire di casa, Htay Soe sentì un suono molto strano. Pochi secondi dopo, vide del fumo uscire dal terreno vicino a casa sua, a pochi metri da dove si trovava.

Quando si rese conto che si trattava di una bomba, Htay Soe gridò: “A terra!”.

Ci fu silenzio. Con il passare dei secondi, non sentirono nulla. Non ci fu nessuna esplosione. Si avvicinò alla buca. Non c’era fumo. Guardò da vicino e scoprì che si trattava di una bomba che non era esplosa. Fu un sollievo per tutti nel villaggio.

Quella sera tardi, due soldati vennero a controllare la bomba. Era penetrata nel terreno a una profondità di circa un metro. Non volevano fare nulla, perché la cosa avrebbe potuto causare vittime. Era pericoloso.

I soldati rimasero per un po’ ad analizzare la situazione. Perché la bomba non era esplosa? Poi uno dei soldati chiese: “Sei cristiano?” Htay Soe rispose: “Sì, siamo avventisti del settimo giorno”.

“Questo spiega tutto!” disse il soldato, “Il vostro Dio è molto potente! Se questa bomba fosse esplosa, nessuno sarebbe vivo nel raggio di 30 metri”.

I due soldati dissero: “Questa non è una nostra bomba” e se ne andarono senza fare nulla. Htay Soe rimase in piedi per un po’, cercando di metabolizzare le parole dei soldati. Sapeva che Dio aveva protetto tutti in quel villaggio. Nessuno può spiegare perché la bomba non è esplosa, ma lui sa in cuor suo che il suo Dio è intervenuto.

Htay Soe fece un cesto di bambù e lo mise in cima al buco della bomba, in modo da non far avvicinare nessuno. Disse a tutti di non toccare o rimuovere il cesto perché questo buco era molto pericoloso.

Quel giorno, l’intero villaggio fu testimone di un miracolo che dimostra chi è Dio. L’intero villaggio era stupito dal potere di Dio. Cominciarono così ad adorare insieme alla famiglia di Htay Soe.

 

*Nomi inventati

 

 

Di Myanmar Union Mission, Southern Asia-Pacific Division News

Fonte: https://www.adventistreview.org/why-the-bomb-did-not-explode

Traduzione: Tiziana Calà

Strage in una scuola in Russia: la solidarietà della Chiesa Avventista
Il cerchio della vita della cicala

Avventista Magazine

La rivista ufficiale della Federazione Chiesa Avventista del Settimo Giorno della Svizzera romanda e del Ticino.

Laissez votre commentaire

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti

Iscriviti per ricevere notifiche nella tua e-mail

Iscrivendoti, accetti le nostre Norme sulla protezione dei dati.

E-MAGAZINE

ADVENTISTE MAGAZINE TV

Top