Dall’alcol ai succhi di frutta

Shares

Al Beach Escape Resort, la frutta fresca per i succhi ha preso il posto dell’alcol

 

Wailoaloa Beach è una famosa destinazione turistica a Nadi, nelle Fiji, conosciuta per i suoi alloggi a prezzi accessibili, i ristoranti e soprattutto i suoi bar di alcolici e i locali notturni.

Quando, nel marzo del 2020, il Covid-19 ha colpito le Figi, molti dei piccoli bar, fast food e ristoranti lungo la spiaggia hanno visto i propri affari sprofondare a causa del crollo dell’industria turistica. Uno di questi era il Bamboo Resort.

Percependo l’opportunità di approfittare della disponibilità di uno spazio economico e abbandonato e la necessità di espandere l’influenza della campagna 10.000 Toes in favore delle persone affette da diabete, gli ambasciatori di 10.000 Toes di tre chiese avventiste locali hanno collaborato con il Bamboo Resort per creare il Bitu Wellness Bar(bitu è il nome locale del bambù), utilizzando uno spazio del resort che una volta era un bar-pasticceria.

Il bar, che offre una serie di programmi volti al benessere e alla salute, tra cui screening biometrici gratuiti, programmi di esercizio fisico, programmi per dimagrire e piani alimentari personalizzati, ha guadagnato popolarità in breve tempo. La gente del posto accorreva ogni giorno per una razione quotidiana di erbe naturali tradizionali e succhi freschi sani e terapeutici.

L’idea era quella di avere il bar come centro di influenza che incoraggiasse gli abitanti ad abbracciare un approccio più completo e naturale in merito alla propria salute, nella lotta contro le malattie derivate da uno scorretto stile di vita, in particolare il diabete. Si trattava anche di creare una consapevolezza tra gli avventori, sottolineando come questo bar offrisse migliori alternative, più sane, rispetto alle bevande alcoliche.

Nell’aprile del 2020, una seconda ondata del Covid-19 ha colpito le Figi in modo inaspettato e grave. Le autorità hanno ordinato la chiusura del Bamboo Resort. Tutte le attività si sono fermate, compresa quella del Bitu Wellness Bar. Per due settimane gli avventori e i clienti abituali hanno chiamato ogni giorno per sapere quando e dove sarebbe stata la nuova sede del bar. Quello che è successo dopo ha dell’incredibile.

A cento metri di distanza c’è il Beach Escape Resort, vicino al Bamboo Resort. I gestori, Anne e Ruben, hanno osservato quotidianamente con interesse, incuriositi dalla folla di persone che entravano e uscivano dal Bamboo Resort e hanno notato che sempre più persone visitavano il bar dei succhi di frutta rispetto a quello degli alcolici. Avevano anche notato che nelle strade c’erano meno incidenti provocati dall’alcol, che il quartiere era molto più tranquillo e pacifico.

Contenti di ciò che avevano osservato, la coppia ha offerto il loro bar che vendeva alcolici per servire succhi salutari, proponendo che il proprio locale venisse usato come centro benessere. All’inizio gli ambasciatori di 10.000 Toeshanno rifiutato l’offerta, credendo che i succhi salutari non dovessero essere venduti nello stesso bar degli alcolici. Tuttavia, i gestori avevano già deciso di non vendere più alcolici nel loro locale.

L’alcool è stato completamente eliminato dal bar, dai frigoriferi e dai congelatori e sostituito con macchine spremiagrumi, frullatori, sana frutta, erbe e verdure locali. A inizio luglio, il bar è stato chiuso per la prima volta di sabato. Quello che di solito era un giorno molto affollato per il bar, è diventato “un giorno di riposo e serenità”, afferma Ruben. Ora la cucina di Ruben offre ogni giorno uno speciale menù salutare a base vegetale.

Il Bitu Wellness Bar è di nuovo in funzione. Dio opera in modi meravigliosi. Il bar di succhi di frutta non solo ha influenzato i clienti del vecchio Bamboo Resort, ma è stato anche in grado di trasformare il Beach Escape Resort per essere parte di qualcosa in grado di portare speranza e guarigione alla comunità. Quale migliore influenza potrebbe avere un centro?!

Lode a Dio, la campagna 10.000 Toes va ben oltre il salvare mestieri e vite. Dà alle persone l’opportunità di aprire i loro cuori e di essere un’influenza positiva per gli altri. Anne e Ruben non vedono l’ora di essere formati come ambasciatori di 10.000 Toes e di far parte di questo grande movimento salvavita.

“La strategia sanitaria globale della divisione del Sud Pacifico mira ad avere un impatto positivo sulla comunità e ha fissato l’obiettivo di 400 centri benessere in tutto il Sud Pacifico per condividere la salute di tutta la persona entro il 2025”, dichiara la consulente della strategia sanitaria della divisione del Sud Pacifico Geraldine Przybylko. “Vi incoraggiamo a far parte di questa visione!”.

 

Per ulteriori dettagli su come collaborare con noi, contattate la coordinatrice di 10.000 Toes, Pamela Townend: pam@10000toes.com

 

 

Di George Wrong, Record Staff

Fonte: https://record.adventistchurch.com/2021/07/09/from-a-liquor-bar-to-a-juice-bar/

Traduzione: Tiziana Calà

6 passi verso la libertà: sei emotivamente prigioniero?
Cristo riflesso

Avventista Magazine

La rivista ufficiale della Federazione Chiesa Avventista del Settimo Giorno della Svizzera romanda e del Ticino.

Laissez votre commentaire

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti

Iscriviti per ricevere notifiche nella tua e-mail

Iscrivendoti, accetti le nostre Norme sulla protezione dei dati.

E-MAGAZINE

ADVENTISTE MAGAZINE TV

Top