QUANO LA VITA È APPESA A UN FILO – BATTESIMO DI ANTONIA LAURA A GRAVESANO

Shares

Nata in Perù agli inizi degli anni ’40, Antonia Laura ha lasciato il suo paese natale solamente per dei motivi di salute. Ecco perché all’età di 55 anni si è trasferita in Italia. Fino a quel momento la sua vita era assolutamente normale. Ha lavorato come commerciante a partire dai sui 13 anni. Di religione cattolica, era fedelmente attaccata al suo credo, ai santi e alla figura di Maria.

I suoi gravi problemi di salute (ulcere gastriche, ipertensione, numerosi interventi al ginocchio) l’hanno portata in Italia. Nel 2014, proprio quando stava attraversando un periodo difficile dal punto di vista fisico, Antonia Laura ha scoperto la chiesa avventista di Gravesano, dove ha cominciato a studiare la parola del Signore in maniera più approfondita. Toccata e convinta delle nuove verità scoperte, ha sentito nascere nel suo cuore il desiderio di essere battezzata. Ma ancora una volta i suoi problemi di salute peggiorarono; le cose non andavano come previsto.

A seguito di un’emorragia cerebrale, la vita di Antonia Laura resta appesa a un filo. Il Signore la tiene in vita. Tuttavia, in questi ultimi tre anni, l’ospedale è stato la sua vera e propria casa, dove passava la maggior parte del suo tempo.

Negli ultimi mesi il suo stato di salute migliora e Antonia sente di non poter più aspettare. Non sapendo cos’altro ancora sarebbe potuto succederle, decide di farsi battezzare a ogni costo. Contatta Rodrigo Bertotti, il pastore della chiesa avventista di Gravesano, e la cerimonia battesimale viene presto programmata.

È così che il 7 ottobre 2017 Antonia Laura ha pubblicamente legato la sua vita a quella di Gesù Cristo. Ecco cos’ha detto al momento della sua immersione: “Amo Gesù e non voglio morire senza prima averGli donato la mia vita”. Una testimonianza che ha reso questo momento molto commovente, sia agli occhi del pastore che a quelli di tutta la comunità.

Uscendo dalle acque battesimali, Antonia Laura è fisicamente la stessa persona: i suoi problemi di salute non sono scomparsi; eppure è una nuova creatura che appartiene al regno del Signore. La sua vita non conosce più limiti, è ormai una vita eterna!

Su quanto detto da Antonia Laura e dal pastore Rodrigo Bertotti

CHIESE AVVENTISTE OSPITANO GLI SFOLLATI DEGLI INCENDI IN CALIFORNIA
LA MISSIONE NELL’ERA DEI RIFUGIATI E DEI MIGRANTI

Avventista Magazine

La rivista ufficiale della Federazione Chiesa Avventista del Settimo Giorno della Svizzera romanda e del Ticino.

Laissez votre commentaire

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti

Iscriviti per ricevere notifiche nella tua e-mail

Iscrivendoti, accetti le nostre Norme sulla protezione dei dati.

E-MAGAZINE

ADVENTISTE MAGAZINE TV

Top