Se vuoi che lui rimanga, potresti dovertene andare tu

Shares

Ti dirò una cosa che di solito condivido solo con i miei amici più intimi o con le ragazze ubriache che piangono nei bagni pubblici. So che alcune di voi ci resteranno male, ma presta attenzione a quello che dirò perché è vero: se vuoi che lui rimanga, potresti dovertene andare tu.

Lascia che ti dia qualche informazione su di me prima di chiudere l’articolo. Insegno comunicazione e ho studiato le teorie di genere e la comunicazione per 12 anni. Le relazioni sono stancanti, richiedono tempo e possono essere estenuanti ma ci sono alcuni principi di base che sono sempre applicabili. Il primo è questo: se non ti è rimasto fedele, se non vuole sposarti o se non dà alla vostra relazione l’importanza che merita, vattene.

Le donne sbagliano spesso in questo ambito, per poi scrivere strazianti post su Facebook. Non torna a casa quando dice, ti ha convinto che lo stai controllando troppo perché vorresti un matrimonio, una casa e 4 figli. Ti ha tradito, giurandoti che non l’avrebbe mai più rifatto; invece l’ha rifatto ma questa volta dovrai essere tu a dargli una lezione. La lista è lunga e voglio che tu sappia che soffro con e per te. Sono una donna; non il tipo a cui piace “fare il maschiaccio”: preferisco fare cose da ragazza con le mie amiche, indossando i nostri leggins strapagati. Capisco quanto sia difficile vivere queste situazioni. Mettete giù il vostro caffè macchiato al caramello e ripetete dopo di me: DEVI ANDARTENE.

Le relazioni riguardano tanto il potere, quanto l’amore. Vuoi sapere cosa fa sì che le persone si sentano attratte l’una dall’altra? Il potere. Gli esseri umani sono sempre stati attratti dal potere, e più lo si ha, più si diventa attraenti per l’altra persona. La teoria dell’equità dice che le relazioni sono più durature, quando i due partner detengono lo stesso potere tra di loro. Troppi di noi, però, danno all’altra persona tutto il potere della relazione, per poi rimanerci male quando noi rappresentiamo più una priorità per l’altro. Nessuno può camminarti sopra se prima non ti stendi.

Se lui ti tradisce e tu resti, lo rifà e tu resti ancora, lo rifà ancora una volta e ti arrabbi, ti scocci e ti rattristi ma continui a restare, che messaggio pensi di stare trasmettendo in relazione alla tua parte di potere all’interno della vostra relazione? Potresti anche tatuarti il suo nome sulla fronte, sei diventata di sua proprietà. Non solo stai facendo del male a te stessa, ma nel mentre ti stai anche rendendo meno attraente ai suoi occhi. Ogni persona all’interno di una relazione dovrebbe tracciare una linea che il proprio partner sa di non poter superare. Quando stabiliamo dei limiti e quando gli altri sanno che non scherziamo, saranno molto più attente a controllarsi. Se qualcuno oltrepassa quella linea, sapranno già quale sarà la tua decisione, visto che hanno osato attraversare la linea che porta alla separazione: e così te ne andrai, perché non ti hanno lasciato altra scelta.

A proposito, per andartene, non devi proprio esserci; non puoi rompere la relazione ma continuare a vederlo, sentirlo per messaggi e rispondere alle sue chiamate. Mia cara, come puoi mancare a qualcuno se non te ne vai veramente? Devi staccare completamente. Non rispondere ai suoi messaggi, alle sue chiamate e se un piccione viaggiatore si presenta alla porta di casa tua con un suo messaggio, chiama la guardia forestale. Se c’è una cosa che gli uomini sanno fare biologicamente e istintivamente, è ottenere quello che vogliono. Se ti vuole, VERRÀ a prenderti; non hai bisogno di lasciare delle briciole lungo la strada per paura che non ti ritrovi più. Se sei la donna dei suoi sogni, pensi davvero che ti lascerà andare perché non hai risposto a qualche suo messaggio? E se non sei la donna dei suoi sogni, perché dovresti accontentarti? Statisticamente, sei compatibile con una persona su 7. Certo, potresti anche dover sopportare 6 appuntamenti sbagliati. Ma l’uomo che non rischierà MAI di perderti, che ti verrà sempre a cercare, è proprio dietro l’angolo. Smettila di ubriacarti con shottini di vodka annacquata ai mirtilli rossi. Volta pagina: la sobrietà porterà chiarezza nella tua vita.

Vacci piano con i social, non esagerare. Smettila di condividere cose su di lui, sulla vostra rottura o sull’ultima cosa che ti ha detto. Smettila di vantarti di quanto stai meglio senza di lui o di postare selfie con il testo delle canzoni che ballavate insieme. Ti proibisco anche di mettere “mi piace” alle sue foto e/o di mandargli un tuo scatto. Ricordati che spesso andarsene è l’unica cosa che puoi fare per salvare il vostro rapporto; se però non te ne vai come si deve, non venire poi a lamentarti da me su Twitter. Il coltello taglia in entrambi i sensi. Il tuo silenzio diventerà assordante. Andrà in PANICO se un minuto prima la persona con cui condivideva i suoi pensieri e i suoi sogni più profondi era sempre lì, al suo fianco, mentre adesso non c’è più. Anche se all’inizio si dirà contento della rottura, il tuo silenzio lo farà andare giù di corda, facendogli rimettere tutto in discussione. La ragazza impotente che pensava di aver lasciato, diventerà una dea di cui non può fare a meno. Comincerà a preoccuparsi, temendo che tu sia effettivamente andata via per sempre. Potrebbero volerci alcuni mesi, ma se manterrai il silenzio stampa, si PRESENTERÀ alla tua porta. E poi, mia cara, starà a te decidere.

Nel frattempo, prenditi del tempo per sistemare ciò che si è rotto. Cos’è che fa sì che tu abbia così tanto bisogno di qualcun’altro che saresti anche disposta ad accontentarti delle briciole? Sei degna di attenzioni, di amore e di sicurezza, tutte cose che potresti e dovresti scoprire da sola.

Ma prima, devi andartene.   

Heather Thompson Day è assistente alla cattedra di comunicazione alla Andrews University. È l’autrice di 5 libri cristiani tra cui “Life After Eden” (letteralmente, La vita dopo l’Eden), disponibile ora. Puoi seguirla su Twitter o su IG: HeatherThompsonDay.

Di Heather Thompson Day

Fonte: envisionmag.com/faith/if-you-want-him-to-stay-you-may-need-to-leave/

Tradotto da Tiziana Calà

Stringere legami
Vi presento la famiglia Tui

Avventista Magazine

La rivista ufficiale della Federazione Chiesa Avventista del Settimo Giorno della Svizzera romanda e in Ticino.

Laissez votre commentaire

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti

Iscriviti per ricevere notifiche nella tua e-mail

Iscrivendoti, accetti le nostre Norme sulla protezione dei dati.

E-MAGAZINE

ADVENTISTE MAGAZINE TV

Top